Liguria, allerta maltempo: «Perturbazione molto violenta»


Continua l’allerta meteo in Liguria , dove la Protezione civile ha posto per venerdì tutta la regione in allerta rossa (fino alle 8 di sabato nella riviera di Levante). La situazione si è aggravata nel tardo pomeriggio nella zona di Imperia dove ad Arma di Taggia è esondato il torrente Armea. Sempre nella stessa zona, nel comune di Badalucco, una frane a costretto dieci famiglie a lasciare le loro case. In allerta arancione in Lombardia laghi e Prealpi, Valtellina occidentale, Oltrepò pavese e Alta bergamasca, il bacino di Milano per rischio esondazione dei fiumi Seveso e Lambro, il basso Piemonte e in Emilia Romagna l’Appennino reggiano-modenese e per vento sui crinali di confine con la Toscana. Secondo le previsioni a partire dal pomeriggio di sabato dovrebbe verificarsi un deciso miglioramento.

Liguria

In Liguria è la terza rossa in due mesi, che prevede la chiusura di tutte le scuole, di cimiteri, impianti sportivi, musei, biblioteche, parchi e mercati all’aperto. Situazione critica anche nella zona di Ceriana dove si sono verificati degli smottamenti. Dalle 8 è stata chiusa in via precauzionale l’autostrada A6 Torino-Savona tra i caselli di Savona e di Altare come previsto dal piano della viabilità entrato in vigore dopo la frana che ha fatto crollare un viadotto in prossimità di Altare. Rinviata la partita Spezia-Cremonese di serie B che era prevista in serata. Nei porti di Genova e Savona attività bloccate per lo sciopero per la sicurezza dei lavoratori dichiarato da Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti. L’assessore regionale alla Protezione civile Giacomo Giampedrone ha detto che la perturbazione in arrivo è «molto violenta e se sommiamo questa situazione agli oltre 45 giorni di allerta continuata si capisce perché ci preoccupa». Nel corso della mattina si sono superati i 50 millimetri di pioggia e fino a 100 millimetri localmente che hanno portato a innalzamenti dei corsi d’acqua. Si attendono venti anche molto forti, a partire dalla parte centrale della giornata, sui crinali ci sono già state raffiche fino a 130 km/h e mareggiate. Il timore principale, oltre a nuovi smottamenti, è che questa volta ci potrà essere «una risposta dei bacini veramente significativa in poco tempo». Rete ferroviaria italiana ha attivato presidi straordinari dell’infrastruttura: saranno oltre 150 i tecnici che monitoreranno i punti più sensibili.

Nevicate sui monti

Sul Nord-Ovest ha iniziato a piovere dalle prime ore del mattino, previste nevicate su Alpi e Prealpi sopra i 1.500 metri. Temperature minime in diminuzione su Liguria ed Emilia Romagna, stazionarie altrove. Massime in lieve calo su Lombardia, Pianura veneta, Friuli Venezia Giulia e Liguria. Venti forti con raffiche fino a burrasca su Liguria e Piemonte, deboli sul resto del Nord. Al Centro e sulla Sardegna rovesci sparsi più diffusi e intensi da venerdì sera. Cielo poco nuvoloso al Sud ma dalla serata peggiora in Campania.



Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *